RELAZIONE TECNICA DI ANALISI SISTEMICA CRIMINALISTICA, CRIMINOLOGICA, INVESTIGATIVA, MEDICO LEGALEA INIZIALE CONFUTAZIONE DELL'ISTANZA DI ARCHIVIAZION

RELAZIONE TECNICA DI ANALISI SISTEMICA CRIMINALISTICA, CRIMINOLOGICA, INVESTIGATIVA, MEDICO LEGALEA INIZIALE CONFUTAZIONE DELL'ISTANZA DI ARCHIVIAZION

Abbiamo  consegnato  ai  legali  della  famiglia,  gli  Ill.imi  Avvocati  Claudio  Mondello  e  Pietro  Venuti, la  nostra  RELAZIONE  RELAZIONE  TECNICA  DI  ANALISI  SISTEMICA  CRIMINALISTICA, CRIMINOLOGICA,  INVESTIGATIVA,  MEDICO  LEGALE  A  INIZIALE  CONFUTAZIONE DELLA  RICHIESTA  DI  ARCHIVIAZIONE  PRESENTATA  DAI  PUBBLICI  MINISTERI DOTTORE ANGELO VITTORIO  CAVALLO  PROCURATORE  DELLA REPUBBLICA PRESSO IL  TRIBUNALE  DI  PATTI  E  SOSTITUTI  PROCURATORI  DOTTORI  ALESSANDRO  LIA  E FEDERICA  URBAN  PRESSO  IL  TRIBUNALE  DI  PATTI  -  MORTE  DI  VIVIANA  PARISI  E GIOELE  MONDELLO-Proc. 1413/2020  RGNR Mod 44. La  Relazione  è  firmata  dai  sottoscritti  e  dal  Dr.  Enrico  Delli  Compagni  psicologo  forense  e  si  è avvalsa  della  collaborazione  delle  Dr.esse  Nicolina  Palamone  ed  Angelica  Zenato  antropologhe forensi. La  Relazione  è  composta  da  50  pagine  e  confuta  in  modo  scientifico,  tecnico,  logico, criminologico  e  criminalistico  le  526  pagine  della  richiesta  di  archiviazione,  i  144  punti  di conclusione  della  stessa,  le  consulente  tecniche  dei  numerosi  Consulenti  della  Procura  laddove confutabili. LE NOSTRE CONCLUSIONI: Tenuto  conto  dei  risultati  delle  attività  info-investigative,  delle  consulenze  e  delle  relazioni  della Polizia  Giudiziaria  e  Scientifica,  dei  Consulenti  della  Procura  di  Patti  e  di  tutto  il  materiale  nel fascicolo  che  abbiamo  avuto  l'opportunità  di  leggere,  tenuto  conto  dei  rilievi  fotografici,  degli  esami tecnici  riportati  nelle  consulenze,  in  attesa  di  ulteriori  esami  dei  corpi  tramite  la  strumentazione Laser  3d  da  parte  nostra  e  della  documentazione  a  colori  ancora  non  pervenuta  (foto  e  video), e  quindi  per  quanto in  nostro possesso e  per  quanto sopra  relazionato, letta  con  attenzione  l'intera  richiesta  di  archiviazione  (che  non  condividiamo)  e  tutte  le  relazioni tecniche  e  di  attività  investigative  cui  si  riferisce  concludiamo  come  in seguito: PUNTO  01-  La  richiesta  di  archiviazione  dà  APODITTICAMENTE  per  assodato  che  la  colpa dell'incidente  sia  stato  causato  dallo  stato  psichico  destabilizzato  di  Viviana  Parisi,  che  la  stessa  sia scesa  allora  dalla  vettura  incidentata  assieme  al  figlioletto  Gioele  e  con  lo  stesso  si  sia  avventurata all'interno  del  bosco  di  Carona  per  poi  assistere  alla  morte  di  Gioele  e,  poi,  avviarsi  verso  il  suo suicidio  tramite  certissimo  arrampicamento  sul  traliccio  Enel  D59  e  certissima  precipitazione  con salto e  lancio  finalizzata  alla  morte  certa. Nota  di  questi  Consulenti.  In  realtà  il  tema  sarà  ricorrente  per  poi  esaltare  ed  esasperare sempre  e  comunque  lo  stato  psichico  di  Viviana  Parisi,  con  l'intento  nascosto  e  recondito  di nascondere  l'assenza  del  nesso  eziologico  fra  lo  stato  di  Viviana,  la  morte  di  Gioele  e l'ipotizzato  suicidio  e  di  creare  l'effetto  della  nube  mass-mediatica  utile  ad  avvalorare  il  falso presupposto  “Stava  male...,  quindi,  ha  ucciso  il  bambino  e  poi  si  è  uccisa”.  E  tanto  si  legge anche  nella  relazione  autoptica  sulla  morte  di  Viviana  Parisi  alla  pag.  71  “...  è  possibile affermare  con  elevata probabilità  che  si  sia trattato di  evento  suicidiario”. La  richiesta  di  archiviazione  dà  per certo  che  Viviana  Parisi  benché  avesse  problemi  psicologici  e  di salute  non  aveva  alcuna  intenzione  di    uccidere  il  figlioletto,  anche  se  poi  si  ipotizza  che  potrebbe averlo  fatto  per  poi  fare  divenire  tale  congettura  una  certezza (in  realtà  non  dimostrata  con  alcun elemento  criminalistico,  forense,  medico-legale,  psichiatrico  e  testimoniale).  Difatti,  si  legge  al punto  di  conclusione  nr.  026  pag.  508  della  richiesta  di  archiviazione.  “PdC  026-  Quindi  un  primo dato   deve   essere   chiaro:   Viviana,   quel   giorno,   non   era  certo   uscita   da  casa  con   intenti autolesionistici,  né  tanto  meno  con  l'intenzione  di  far  del  male  al  proprio  bambino  adorato;  era  stato invece  il  sinistro  stradale  appena  subìto  che  aveva  rappresentato  per  lei  un  fattore  stressante fortissimo,  che  le  aveva  fatto  perdere  ogni  capacità  di  elaborazione  e  risoluzione  della  realtà.  Ciò aveva  determinato  in  lei  l'impulso  irrefrenabile  e  del  tutto  irrazionale  di  "scappare"  ed  abbandonare la  sede  autostradale, invece  di  aspettare  i  soccorsi, come  avrebbe  fatto  chiunque  altro.” Nota   di  questi   Consulenti.   Quanto   sopra   -  scritto   dagli   estensori   della   richiesta   di archiviazione  e  riferito  alla  relazione  del  Consulente  psichiatrico  della  Procura  -  sconfessa quanto  ipotizzato  dai  Consulenti  della  Procura,  laddove  al  punto  precedente  dichiarano  che “...  è  possibile  affermare  con  elevata  probabilità  che  si  sia  trattato  di  evento  suicidiario”. Come  si  può  ben  notare,  ci  si  trova  di  fronte  a  contraddizioni  interne  che  la  richiesta  di archiviazione  è  stata incapace  di  redimere. PUNTO  02-  SICURAMENTE  non  vi  è  stato  alcun  atto  aggressivo  di  Viviana  Parisi  nei  confronti  di Gioele   Mondello   come   invece   erroneamente   ritenuto   dalla   richiesta   di   archiviazione. SICURAMENTE  non  vi  è  suicidio  da  parte  di  Viviana  Parisi,  così  come  non  vi  è  alcuna  sua precipitazione  dal  traliccio  dell'Enel  D59  né  volontaria  né  procurata,  in  quanto  Viviana  Parisi  col traliccio  non  ha  avuto  nessun  contatto  e  non  vi  si  è  arrampicata,  come  abbiamo  abbondantemente dimostrato. E  se  Viviana  non  si  è  buttata  dal  traliccio  (  E  NON  SI  E'  BUTTATA)  crolla  miseramente  l'ardita  ma vacua   ricostruzione   dei  tre  Magistrati  della  procura  di  Patti  (che  dovrebbero  rappresentare l'altissima  Autorità  investigativa  dello  Stato  ed  anche  noi  tutti)  e  quella  dei  loro  Consulenti,  costoro–  purtroppo  -  tutti  allineati  a  confutare  noi,  colpevoli  di  avere  un'opinione  diversa  da  quella  degli inquirenti  (sic!).

PUNTO 03- ABBIAMO  DIMOSTRATO  QUANTO  SEGUE: =  L'IMPOSSIBILITÀ   DI   ARRAMPICAMENTO   DA   PARTE   DI   VIVIANA  SUL TRALICCIO   ENEL  D59   E  IMPOSSIBILITÀ   DEL  LANCIO   SUICIDIARIO   DAL TRALICCIO E/O  DI  PRECIPITAZIONE DALLO  STESSO. =  SE  VIVIANA SI  FOSSE  BUTTATA DAL TRALICCIO  L'ALTEZZA DI  CADUTA – COME IPOTIZZATO  DALLA  POLIZIA  SCIENTIFICA  DI  CATANIA  –  DOVREBBE  ESSERE  DI ALMENO  8  METRI:  MA QUESTO  E'  IMPOSSIBILE  PERCHÉ  VIVIANA  NON  POTEVA ARRAMPICARSI  PERDIPIÙ  SENZA  SCARPE  A  QUELL'ALTEZZA  E  PERCHÉ  LE FRATTURE SONO DI  CADUTA DA 2-3 METRI. =  LE  SCARPE  E  IL  CALZINO  DI  VIVIANA  PARISI  SONO  STATI  POSIZIONATI  DAL SOGGETTO IGNOTO PER DEPISTAGGIO  E PER AUTOGRATIFICAZIONE. =  LE  SCARPE  DI  GIOELE  SONO  STATE  POSIZIONATE  SUL  LUOGO  DEL RINVENIMENTO PER DEPISTAGGIO  E PER AUTOGRATIFICAZIONE. =  VI  È  STATA  L'AZIONATA  COMBINATA  E  COMPLESSA  DI  UNA  “COMBINAZIONE CRIMINALE”  CHE  HA  DEPISTATO,  COMPOSTO  LA  SCENA,  MESSO  IN  POSA  I CORPI E LE SCARPE  DELLE DUE VITTIME. PUNTO  04-  SICURAMENTE  Viviana  non  si  è  buttata  per  i  seguenti  motivi,  ci  auguriamo  che l'opinione  pubblica  li  recepisca,  così  la  stessa  non  sarà  più  ammorbata  ammorbare  con  il  fattoide “infanticidio  – suicidio”. PUNTO 05-  Le  lesioni  presenti  sul  corpo  della  vittima  ritrovata  alla  base  del  traliccio  sono  di  sicuro da  precipitazione  da  media  altezza  e  per  la  dinamica  ricostruita  ovvero  impatto  ginocchio  sinistro  e trasmissione  del  pondus  energetico  con  vettore  cinematico  lungo  l’asse  femoro-acetabolare  e conseguente  esplosione  di  talune  vertebre  dello  scheletro  assile  avrebbero  visto il  corpo posizionarsi per  riflesso  antalgico-lesionale  in  una  posizione  di  quiete  nel  quadro  della  dinamica  neuro-muscolovertebrale  non  in  posizione  prona,  ma  supina  e  posizionato  lungo  il  versante  del  terreno  a discendere  piuttosto  che  a  salire  ed  in  ascesa.  Tutto  questo  per  il  principio  fisico  della  logica precipitazione  di  massa  e  di  gravità    verso aree  discendenti  e  declivi. PUNTO  06-  Non  vi  è  stato  alcun  atto  aggressivo  di  Viviana  Parisi  nei  confronti  di  Gioele  Mondello come  invece  erroneamente  ritenuto  dall'R.D.A.  Non  vi  è  suicidio  da  parte  di  Viviana  Parisi,  così come  non  vi  è  alcuna  sua  precipitazione  dal  traliccio  dell'Enel  D59  né  volontaria  né  procurata,  in quanto  Viviana  Parisi  col  traliccio  non  ha  avuto  nessun  contatto  e  non  vi  si  è  arrampicata,  come questi  Consulenti  hanno  già  detto e  come  in seguito  diranno.   PUNTO  07-  La  morte  di  entrambi  si  è  verificata  all'interno  di  un  invaso/i  contenitore/i  sito/i  nel bosco  di  Caronia  con  le  caratteristiche  simili  a  quelle  di  un  pozzo,  quali:  A)  profondità  di  3-4-5 metri;  B)  presenza  di  acqua  al  massimo  mezzo  metro;  .C)  elevata  possibilità  di  morte  immediata causa  asfissia  in  acqua  in  quanto  Viviana  Parisi  ha  subito  la  resezione  del  midollo  spinale  dagli  esiti di   frattura   vertebrale   ed   in   seguito   all'esplosione   delle   due   vertebre   e   il   piccolo   Gioele successivamente  ad  un  trauma  contusivo-commotivo  avrebbe  avuto  lo  stesso  esito  della  madre  per annegamento  contemporaneo  e  per  trascinamento  da  parte  di  quest’ultima  verso  la  base  dell’invaso; D)  possibilità  di  recupero  da  terzi  dei  corpi  tramite  strumenti  e  mani  con  (E)  Viviana  Parisi  tirata fuori  la  tarda  sera  del  3  agosto  o  la  mattina  del  4  agosto  e  trasportata  con  apposito  mezzo  per  la messinscena  e  il  depistaggio  e,  nel  trazionamento,  le  vengono  strappati  i  capelli,  (F)  il  piccolo Gioele  tirato  fuori  successivamente  (anche  dopo  molto  tempo)  e  depositato  nel  tragitto  fra  la  zona piazzola  e  la  zona  traliccio,  senza  escludere  che  possa  essere    stato  conservato  in  un  contenitore  di plastica  e  posizionato  sui  luoghi  del  rinvenimento  successivamente:  nulla  si  esclude  in  tal  senso,  a prescindere  dalle  emergenze  dei  droni  e  del  satellitare  i  cui  dati  devono  essere  analizzati  con  calma e  in  tempi  congrui,  anche  in  considerazione  del  fatto  che  i  suddetti  dati  sono  stati  analizzati  dagli estensori  dell'R.D.A.  e  dai  Consulenti  della  Procura  per  diversi  mesi .   Quindi,  Viviana  Parisi  e Gioele  Mondello  sono  precipitati  in  un  pozzo  (o  in  un  contenitore  profondo  3-4-5  metri  con  circa mezzo  metro  d'acqua)  per  trovare  la  morte  infine  in  seguito  ad  asfissia  in  acqua  per  lo  s tato  in  cui sono  convenuti  alla  base  dell’invaso;  d a  tale  contenitore  in  seguito  sono  stati  prelevati  dopo  la  loro morte  e  poi  traslati  verso  i  rispetti  luoghi  di  rinvenimento  per  ovvi  motivi  di  interesse,  di opportunità  e  di  evitare  attribuzione  di  responsabilità. PUNTO  07.BIS-  La  precipitazione  è  avvenuta  mentre  i  due  avevano  entrambi  le  scarpe  ai  piedi, mentre  Viviana  manteneva  il  bambino  in  braccio  ed  era  in  camminamento  veloce  o  in  fuga, verosimilmente  da  cani,  da  persone  o  da  altre  situazioni  reali.  Occorre  sicuramente  verificare  la presenza  di  tracce  di  qualunque  tipologia  sui  corpi  e  sui  loro  resti/indumenti  ed  affettuare  le  dovute comparazioni  a  tutti  i  livelli. . PUNTO  08-  Non  vi  è  e  non  è  stato  dimostrato  alcun  nesso  eziologico  fra  lo  stato  psichico  e  le condizioni  di  salute  di  Viviana  Parisi  con  la  morte  del  piccolo  Gioele  Mondello  e  la  morte  della medesima,  altresì,  come  questi  Consulenti  hanno  già  detto  e  come  in  seguito  diranno:  la  morte  degli stessi  è  da  attribuire  a  livello  di  contemporaneità  e  contiguità  con  riferimento  a  tempi,  luoghi  e cause PUNTO  09-  Viviana  Parisi  non  aveva  possibilità  di  raggiungere  il  traliccio  dal  luogo  del rinvenimento  dei  resti  di  Gioele  e  tantomeno  dall'uscita  della  galleria  di  Pizzo  Turda  come  già  detto e  come  in  si  seguito  si  amplierà.  Basti  considerare  che  i  lavoranti  di  sughero  DOVEVANO  PER FORZA DI  CIRCOSTANZE  E  POSIZIONAMENTI  SCORGERLA    e  l'altissimo  impedimento  dei microsentieri  tormenatti  e  impediti  da  rovi,  sterpaglie,  sassi,  buche  e  sterco  di  vacche  e  di  altri animali  che  avrebbe  dovuto  percorrere,  per  poi  arrivare  sulla  c.d.  “ara  sacrificale”  dove  sono  stati rinvenuti  i  sandaletti  di  Gioele. PUNTO  10-  Non  vi  è  alcun  elemento  atto  a  fare  ritenere  che  il  corpo  di  Gioele  sia  stato  trasportato dalla  fauna  dalla  zona  traliccio  al  luogo  del  rinvenimento  dei  suoi  resti,  in  realtà  tutto  depone  contro tale  ipotesi,  a  iniziare  dall'impossibilità  che  Viviana  abbia  raggiunto  tale  luogo,  sperduto,  impervio  e incredibilmente  difficoltoso da  raggiungere. PUNTO  11-  Il  ritardo  investigativo  sulla  ricerca  dei  suddetti  invasi  –  ricerca  attivata  solo  dopo  le segnalazioni  di  questi  Consulenti  (29  marzo  2021)  –  ha  fatto  sì  che  la  "combinazione  criminale" abbia  potuto  fare  sparire  SIN  DALL'INIZIO  tutte  le  tracce  della  precipitazione  dei  due,  della  loro presenza  e  di  qualunque  attività  di  depistaggio PUNTO  12-  Non  si  è  verificato  nessun  crollo  psicotico  di  Viviana  Parisi,  la  diagnosi  di  disturbo paranoide  di  personalità  con  delirio  di  persecuzione,  aderisce  alla  realtà  e  non  comporta  alcun aspetto  psicotico  di  tipo  allucinatorio. PUNTO 13-  L'unico  scenario  che  corrisponde  a  tutti  gli  elementi  in  atti,  ai  reperti,  alle  tracce,  ai  dati forensi,  che  non  ha  alcun  vulnus  contrario,  che  non  presenta  errori  e/o  vizi  logici  è  il  seguente: Viviana  Parisi  e  Gioele  Mondello  infante  sono  precipitati  in  un  pozzo  (o  in  un  contenitore  profondo 3-4-5  metri  con  circa  mezzo  metro  d'acqua)  per  trovare  la  morte  infine  in  seguito  ad  asfissia  in acqua  per  lo  stato  in  cui  sono  convenuti  alla  base  dell’invaso.  Da  tale  contenitore  in  seguito  sono stati  prelevati  dopo  la  loro  morte:    in  prima  ipotesi  non in  contemporanea,  ma  in  momenti  diversi,  in seconda  ipotesi  il  prelievo  è  stato  effettuato  in  contemporanea.  I  due  corpi  sono  poi  stati  traslati  per ovvi  motivi  di  interesse,  di  opportunità  e  di  evitare  attribuzione  di  responsabilità  verso  i  rispetti luoghi  di  rinvenimento.

Le  foto  del  traliccio  mostrano  con  assoluta  chiarezza  che  la  salita  sarebbe  stata  difficoltosissima se  non  impossibile  per  l'inclinazione  dei  profili  d'acciaio  del  traliccio,  per  la  vegetazione  presente sul   montante,  per  la  ristrettezza  della  base  dove  Viviana  avrebbe  dovuto  poggiare  i  piedi (procurandosi  dolore),  della  sofferenza  e  lo  stress  che  la  stessa  avesse  vissuti,  per  i  grossi  limiti citati. SICURAMENTE  Viviana  non  si  è  arrampicata  sul  traliccio  per  i  seguenti  motivi:  (1)  senza scarpe  non  poteva  arrampicarsi  sul  traliccio,  puntando  con  forza  i  piedi  senza  scarpe  e  protetti solo  dai  calzini,  sui  profili  in  acciaio  addirittura  inclinati  di  45  gradi  proprio  per  impedire  una veloce  ed  agevole  salita;  (2)  sulle  piante  dei  piedi  di  Viviana  non  vi  sono  tracce  di  lesioni  causate dalla  costa  penetrante  dei  profili  e  dall'azione  di  arrampicamento  per  8  metri  (ed  anche  di meno);  (3)  sul  calzino  non  vi  sono  segni/tracce  di  usura,  di  lacerazione  e  di  strappo  di  tale  azione pressoria  e  di  trascinamento  del  piede  sulla  costa  del  metallo  dei  profili;  (4)  arrivata  al  punto  di lancio  Viviana  sarebbe  dovuta  girarsi  (senza  perdere  l'equilibrio)  e  quindi  dare  le  terga  al  profilo del  traliccio;  avrebbe  dovuto  poggiare  i  due  piedi  sul  profilo  per  darsi  una  fortissima  spinta  verso l'avanti,  azione  però  limitata  e/o  impedita  dal  dislivello  dei  due  piedi  e  dallo  scivolamento  dei piedi,  di  cui  il  sinistro  superiore  e  il  destro  inferiore,  verso  il  proprio  lato  destro;  avrebbe  dovuto piegare  le  ginocchia  con  l'handicap  del  dislivello  delle  stesse,  dei  piedi  sudati,  dei  calzini scivolosi,  dello  stress  e  della  fatica...  e  da qui  lanciarsi  a volo d'angelo. 
Scarpa destra sul  lato  sinistro di  Viviana e  poggiata  su  un  cespuglio, con  delle  foglie  e  rami  sopra la  stessa.  Scarpa  elevata  di  diversi  centimetri,  almeno  40,  slacciata  e  laccio  agganciato  a  spine  e in  stato di  tensione  e  rigidità. Calzino destro allocato a circa  5 metri  dal  piede  di  Viviana sulla sua destra. Scarpa  sinistra  sotto  il  traliccio,  poggiata  sul  sasso  a  forma  sferica,  in  equilibrio,  con  dei  rami che  lo sovrastano.  Scarpe  entrambe  slacciate. Non  si  comprende  come  abbia  potuto  Viviana,  dopo  essersi  incredibilmente  arrampicata  a  8 metri   nonostante   i  molti   limiti   enunciati,   lanciarsi,   perdere   la   scarpa   destra   che   va   a impattare/posizionarsi  sul  cespuglio  alla  sua  sinistra  mentre  la  scarpa  sinistra  va  a  finire  sulla destra all'interno della  base  del   traliccio. Come  si  nota  il  calzino  sinistro  non  porta  segna  di  contatto,  di  struscio,  di  usura  e  di  attività pressoria dopo l'arrampicamento  sui  diversi  profili  d'acciaio del  traliccio.

La  scarpa  destra  reperto  1  (  è  stata  rinvenuta  sopra  il  cespuglio  come  in  foto.  La  sua  posizione  è inconciliabile  con  la  precipitazione  di  Viviana  dal  traliccio  e  può  essere  spiegata  solo  con l'attività  di  un  soggetto  ignoto  depistatore  che  l'ha  posizionata  proprio  per  fare  credere  che  la donna sia precipita dal  traliccio e  che  nella caduta  abbia perso la scarpa (slacciata).

La  scarpa  sinistra   (reperto   2)  è  stata  rinvenuta  in  equilibrio  sopra  un  sasso  a  forma grossolanamente  sferica,  all'interno  della  base  del  traliccio.  Sulla  stessa insistono  e  sono presenti dei  rami.  Tali  situazione  indicano  che  sono  state  posizionate  da  un  soggetto  ignoto  con  chiaro intento  di  depistaggio,  per  far  credere  che  Viviana  sia  precipitata  dal  traliccio  e  che  nella  caduta abbia perso la scarpa (slacciata).

La  mano  destra  di  Viviana  che  stringe  gli  arbusti  ad  artiglio  (in  realtà  poggiata)  e  che  le  passano attraverso  il  quarto  e  quinto  dito  della  mano,  deve  essere  interpretata  come  facente  parte dell'abilissima,  fine  e  perversa  attività  manipolatoria  del  soggetto  ignoto  che  sta  componendo  la scena  e  mettendo  in  posa  il  cadavere:  è  una  parte  della  firma  psicologica  del  soggetto  ignoto unita   al  suo  modus  operandi:  soggetto  organizzato,  profondo  conoscitore  del  territorio  e dell'ambiente, facente  parte  della combinazione  criminale  che  ha traslato  i  corpi. Non  è  quindi  condivisibile  la  tesi  dell'R.D.A.  dove,  rifugiandosi  ai  pareri  tecnici,  recita  “...  il sopralluogo  ed  i  successivi  accertamenti  tecnici  hanno  evidenziato  come  la  mano  destra  di Viviana  abbia  "artigliato"  alcuni  arbusti  presenti  al  suolo,  assumendo  la  posizione  di  quiete nella  quale  è  stata  poi  rinvenuta:  ebbene,  appare  assai  difficile  ipotizzare  che  gli  autori  del fantomatico depistaggio possano aver  usato un  accorgimento  così  'raffinato'”. Va  da  sé  che  che  gli  estensori  dell'R.D.A.,  per  pregiudizio  iniziale,  MAI  E  POI  MAI  potranno ammettere  che  vi  è  stato  depistaggio,  altrimenti  dovrebbero  ammettere:  la  caduta  contemporanea di  Viviana  e  Gioele  in  un  pozzo/invaso  in  seguito  a  fuga  (cani  e/o  persone?);  la  traslazione  dei corpi  dall'invaso/pozzo:  la  loro  precipitazione  in  un  invaso/pozzo:  il  non  suicidio  di  Viviana  dal traliccio: il  non  assassinio  di  Gioele. Dovrebbero  ammettere  di  avere  sbagliano  e  che  noi,  modestissimi  Consulenti  della  P.O.  Abbiamo ragione. Occorre  precisare  ed  evidenziare  che  nel  verbale  di  rinvenimento  del  cadavere  si  legge  “la  mano poggia sulla  vegetazione”  e  nella  relazione  di  consulenza  tecnica  medico  legale  i  CT  della Procura  scrivono  “...  con  il  palmo  della  mano  adagiato  su  formazioni  di  vegetazione  erbacea,  ivi presenti, emergenti  altresì  tra gli  spazi  interdigitali  del  4° e  5° dito”. 
CONCLUSIONI Nonostante  questi  Consulenti  abbiano  posto  sin  dall'inizio  il  quesito  da  sciogliere  tramite riscontri1 da  individuare,  definire  e  produrre  affinché  non  si  possa  cadere  nell'errore  dell'inganno strutturale,  gli  Inquirenti  si  sono  ben  guardati  dall'approfondire,  dal  verificare  e  dal  rispondere.  Ci  si riferisce  ai  quattro  scenari  iniziali  citati  alla  pag.  1  della  Relazione  anticipatoria  di  17  pagine depositata  dagli  Avv. Mondello e  venuto  il  29 marzo 2021, ed  esattamente: Scenario  1.  Viviana  e  Gioele  erano  entrambi  nella  vettura  Opel  incidentata;  quindi  l'analisi investigativa  criminale  avrebbe  dovuto  risolvere  lo  scenario  con  Viviana  Parisi  e  Gioele  Mondello all'interno  della  vettura  Opel  incidentata  uscire  dalla  galleria  Pizzo  Turda  ed  avviarsi  all'interno  del bosco  di  Caronia; Scenario  2.  Nella  vettura  incidentata  vi  era  solo  Viviana  ma  non  Gioele;  l'analisi  investigativa criminale  avrebbe  dovuto  risolvere  la  non  presenza  di  Gioele  all'interno  della  vettura,  il  suo rinvenimento  nella  campagna  di  Caronia  e  il  suo avvistamento  descritto  dalla  “famiglia  del  Nord”; Scenario  3.  Nella  vettura  incidentata  vi  era  solo  una  donna  che  non  era  Viviana;  l'analisi investigativa  criminale  avrebbe  dovuto  risolvere  l'assenza  di  Viviana  e  di  Gioele  all'interno  della vettura,  il  loro  rinvenimento  nella  campagna  di  Caronia  e  il  loro  avvistamento  descritto  dalla “famiglia  del  Nord”  e  l'identità  della  donna  all'interno della  vettura  incidentata; Scenario  4.  nella  vettura  c'erano  Gioele  e  una  donna  che  non  era  Viviana;  l'analisi investigativa  criminale  avrebbe  dovuto  risolvere  la  non  presenza  di  Viviana  all'interno  della vettura e  il  rinvenimento del  suo cadavere  nella  campagna di  Caronia sotto il  traliccio. Va  da  sé  che  che  gli  estensori  della  richiesta  di  archiviazione,  per  pregiudizio  iniziale,  MAI E  POI  MAI  potranno  ammettere  che  vi  è  stato  depistaggio,  altrimenti  dovrebbero  ammettere che  all'interno  del  bosco  di  Caronia  i  poveri  Viviana  e  Gioele  stessero  fuggendo    da  animali (cani?)   e/o  da  persone  seguita  dalla  precipitazione  congiunta  di  madre  e  figlio  in  un invaso/pozzo:  il  non  suicidio  di  Viviana  dal  traliccio:  il  non  assassinio  di  Gioele.  Dovrebbero ammettere  di  avere  sbagliato  e  che  noi,  modestissimi  e  umili    Consulenti  della  famiglia Mondello  abbiamo  ragione:  ovviamente  non  potranno  mai  farlo  per  motivi  di  supremazia (sic!) e  di  rosicamento. Riportiamo   quanto   proponemmo   al   Sig.   Procuratore   Capo   nella   nostra   relazione anticipatoria  del  28  marzo  2021  tramite  i  nostri  Avvocati  incaricanti:    “Si  chiede,  altresì,  di 1  Ogni  ipotesi  e  sub-ipotesi  deve  essere  riscontrata/supportata  da  elementi  certi  e  oggettivi  di  matrice investigativa,  scientifica,  criminalistica  e  forense,  testimoniale,  medico  legale  e  antropologica  forense, logica  e  situazionale.

Ci  dichiariamo  consapevoli  di  avere  agito  con  scienza,  conoscenza  e  coscienza,  freddezza  e obiettività,  e  riteniamo  di  avere  ottemperato  all'incarico  affidatoci  che  sin  dall'inizio  abbiamo precisato  che  accettavamo  solo  per  dare  un  contributo  alla  vera  Verità,  qualunque  essa  fosse, anche  la più  dolorosa.     Prof. Carmelo Lavorino    Dr.  Antonio  Della Valle I  video  e  le  immagini  a  colori  delle  scene  del  crimine  e  degli  eventi,  di tutte  le  relazioni  tecniche  e  investigative  sono  nel  fascicolo,  quindi,  in teoria,   sono   a  disposizione   della  parte  cioè  della  famiglia  Mondello, tuttavia,   essendo  strategicamente  spalmati  su  più  DVD  e  richiedendo ciascuno  320,00  euro  in  diritti,  rendono  di  fatto  impossibile  (per  motivi economici)  a  una  persona  offesa  reperire  i  medesimi  salvo  esborso  di migliaia  di  euro  in  diritti  di  segreteria  (più    di  900  solo  per  le  radiografie).

CESCRIN via Bellini n°5 CASSINO (FR) - info@cescrin.it - P.IVA./CF. 97644810588